Regione Lombardia

COalCO - Coprogettare Alternanza Collaborativa

Ultima modifica 4 maggio 2018

Sono cominciati i percorsi di Alternanza Scuola Lavoro degli studenti del Liceo Virgilio in collaborazione con l'Ufficio Mantova e Sabbioneta Patrimonio Mondiale, nell'ambito del progetto COalCO, Coprogettare Alternanza Partecipativa. I progetti si svilupperanno su due anni scolastici.

Due i filoni di riflessione prescelti: il Patrimonio come strumento di mediazione culturale e di integrazione e la sensibilizzazione verso la tutela del Patrimonio.

Il gruppo Memini della IV AR, ha ideato una proposta che coinvolge gli studenti dell’ Associazione Scuola Senza Frontiere ONLUS, una scuola libera di alfabetizzazione mantovana. Il titolo del progetto nasce dalla volontà di far conoscere Mantova in modo completo, sotto ogni aspetto, quindi a 360°.

 

 

 

 

 

 

 

 

In base a quanto emerso dal confronto con la scuola, che ci chiedeva di coinvolgere tutti gli studenti, anche quelli con maggiori difficoltà linguistiche, i ragazzi hanno studiato due itinerari alla scoperta della città, corredati da una mappa, per permettere agli studenti di orientarsi, e da un vocabolario illustrato. Seguendo la filosofia dell’Ufficio Mantova e Sabbioneta Patrimonio Mondiale, è stato previsto un incontro preliminare in classe, in cui si utilizzerà il Patrimonio come elemento aggregativo ed identitario. E' previsto un terzo momento conviviale in cui gli studenti della Scuola senza Frontiera e i ragazzi possano raccontare le esperienze della propria cultura.

Il gruppo Old but gold, della VI BR, ha progettato un itinerario di crescita per i bambini educandoli al Patrimonio, al Bene Comune e al vivere Mantova in modo responsabile, per educare i bambini, le generazioni future, attraverso incontri che aspirano a renderli cittadini attivi e consapevoli. 

Il progetto prevede tre in contri: una lezione interattiva in classe in cui verranno riconosciuti e raccontati alcuni beni Patrimonio Mondiale; un percorso attraverso la città non allo scopo di dare informazioni storico-turistiche, ma al fine di mostrare comportamenti corretti e non, compiuti dalle persone nei confronti della loro città; un incontro in classe in cui i bambini stileranno il Patripatto, un elenco dei buoni comportamenti individuati sotto forma di norme da seguire che i bambini firmeranno come impegno. A conclusione del progetto è prevista un’installazione che raccolga tutti i lavori dei bambini che hanno partecipato e il Patripatto con tutte le loro osservazioni. Riprendendo l’obiettivo iniziale speriamo così di coinvolgere genitori e turisti che vedranno questa installazione e sensibilizzare la città sul tema del patrimonio come bene comune.